Cyber bullismo, pedofili on line, furti in Rete: Polizia nelle scuole

Cyber bullismo, pedofili on line, furti in Rete: Polizia nelle scuoleIn cattedra per una giornata l’ispettore della Polizia Postale Roberto Manca. Per spiegare ai nostri bambini tutte le trappole di “Una vita da social”. Ecco le avvertenze da seguire per le mamme dopo gli ultimi episodi negativi di cronaca.

Cyber bullismo, furti d’identità, pedopornografia, truffe e reati on line. Approda a Cagliari “Una vita da social”, campagna educativa itinerante, promossa dalla Polizia di Stato, sul corretto utilizzo di internet dal pc e sempre più spesso dal proprio smartphone. In “cattedra” l’ispettore della Polizia postale di Cagliari, Roberto Manca, e “tra i banchi” gli oltre 600 ragazzi delle scuole medie e superiori del capoluogo sardo e provincia. Ospiti d’eccezione Massimiliano Medda e Marco Camboni dei “La Pola”, testimonial della campagna educativa in Sardegna.

Un’intera mattinata di lezioni sul corretto utilizzo di internet, dove i ragazzi, tutti dagli undici ai quattordici anni, hanno partecipato a bordo del pulmino della Polizia posizionato in piazza Centomila, accompagnati dai propri insegnanti. “Internet é un mezzo di comunicazione che offre tante opportunità – ha spiegato l’ispettore Manca – ma dobbiamo usarlo ragionando. Spesso ci ritroviamo semplicemente a condividere foto senza il consenso della persona che compare nell’immagine, ed è una cosa illegale. Non dovete mai accettare foto di persone nude su whatsapp, né in qualsiasi altra chat, é un vero e proprio reato. E diffidate da chi in rete vi chiede dati personali, dietro si può nascondere qualsiasi tipo di truffa a carico vostro o dei vostri familiari”. E sui dubbi mossi nei giorni scorsi su un’applicazione dietro cui si nasconderebbero dei pedofili, Manca precisa: “stiamo ricevendo molte segnalazioni, ma state tranquilli non c’è nessuno che vi sta guardando tramite telecamera del telefono. In ogni caso, quando qualche applicazione vi sembra strana, nel dubbio disinstallatela”.

Di   Federica Lai


Download PDF

I commenti sono chiusi