Ricerca e università, firmata convenzione fra Ser.In.Ar e Dipartimento di Psicologia

Ricerca e università, firmata convenzione fra Ser.In.Ar e Dipartimento di PsicologiaLo studio verrà svolto al Centro Studi e Ricerche in Neuroscienze Cognitive di Cesena e presso l’Institute of Cognitive Neuroscience dell’University College of London.

È stata stipulata nel mese di settembre un’importante convenzione fra Ser.In.Ar e Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna, che ha come obiettivo il sostegno ad un progetto di ricerca riguardante lo studio delle caratteristiche funzionali e cognitive dei disturbi relativi alla eminegligenza spaziale unilaterale e all’emianopsia e alla loro riabilitazione.

“L’eminegligenza spaziale unilaterale – spiega Elisabetta Ladavas, professore ordinario in Psicobiologia e Psicologia Fisiologica, oltre che Coordinatrice del progetto – è un disturbo attenzionale, che riguarda lo spazio contro laterale alla lesione, mentre l’emianopsia riguarda è un disturbo sensoriale sempre riguardante lo spazio contro lesionale. Questi due disturbi sono entrambi molto invalidanti per i pazienti: essi non esplorano lo spazio contro lesionale e presentano difficoltà nel rilevare stimoli visivi presentati in tale spazio, nella lettura e nella ricerca visiva”.

Lo studio verrà svolto al Centro Studi e Ricerche in Neuroscienze Cognitive di Cesena e all’Institute of Cognitive Neuroscience dell’University College of London. Il progetto prevede lo spostamento dei dottorandi, iscritti al Joint International PhD Program in Cognitive Neuroscience, all’Università di Londra per il reclutamento dei pazienti, la discussione dei risultati e la stesura di lavori degli elaborati scientifici.

“La convenzione – commenta Alberto Zambianchi, presidente di Ser.In.Ar. – si inserisce nel panorama delle iniziative di sostegno a progetti di ricerca che sono attivati nell’ambito dei Campus Universitari di Forlì e Cesena e testimonia la crescente sensibilità della Ser.In.Ar. verso iniziative volte all’innovazione e all’alta specializzazione di giovani dottorandi che frequentano i corsi universitari sul nostro Territorio”.

Fonte: cesenatoday.it


Download PDF

I commenti sono chiusi